>A.

7 maggio 2010 § Lascia un commento

>

Mi spaventa la bramosia che nasce in me al passare nella mente della terminologia del volere.
 Come se effettivamente potessi generare un’esplosione, un caos motivato da intenti indagati che attendono solo l’atto pratico.
L’importanza della realtà porta in sé la potenza di un’azione guidata da un unico occhio. 
Io coincido con l’indole insita nel dopo, costruisco capacità ignote ma possibili su brandelli fittizi di ideologie filosofiche basate sull’incapace.
Meraviglia e scoperta amano il volere.
Intanto non vedo più; non sento, non gusto, non sniffo, non parlo. 
Esisto nell’inesistenza dell’azione. Esisto solamente come entità composita di numeri, il mare calmo e sicuro dell’io proposto.
  
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo >A. su is a star ★.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: