11 gennaio 2010 § 2 commenti

Cit.AZIONE

"E’ il coronamento di un sogno millenario, l’abolizione di uno steccato che ha a lungo pesato sulla nostra cultura alimentare. L’invidia dei consumi di lusso e del mercato protetto da parte dei contadini, la gelosa difesa dei propri privilegi da parte dei cittadini, sono realtà sociali, economiche e psicologiche che non conosciamo più. Semmai è il contrario che tende a verificarsi oggi: il disagio ingenerato (assieme a molti inestimabili vantaggi) da un sistema alimentare più uniforme, più omologato e in qualche modo estraniato dal territorio giunge a produrre inedite forme di ‘nostalgia della campagna’ […] che determinano una rivalutazione, e finanche una rinnovata auto-coscienza del mondo rurale. Ma si tratta pur sempre di valori urbani: la campagna felice è immagine cittadina, e solo di rimbalzo questa immagine può essere accolta in campagna […] Che cosa di più urbano potremmo immaginare dell’odierno revival dei cereali inferiori e dei pani scuri? Solo una società molto ricca può permettersi di apprezzare la povertà.”
 

Annunci

§ 2 risposte a

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo su is a star ★.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: